Sabato 8 e Domenica 9 Novembre a Scanzano Jonico avranno luogo due eventi importanti a cui la nostra Oasi parteciperà con piena consapevolezza data la gravità dei temi affrontati.

Si comincerà Sabato 8 Novembre dove nei locali della sala Consigliare del Comune di Scanzano Jonico a partire dalle 15,30 avrà luogo, proprio dove si concluse la manifestazione dei centomila con cui si mise la parola fine ad una vertenza popolare contro il deposito unico di scorie radioattive in Basilicata, il secondo incontro per la costituzione dello spazio comune delle vertenze e dei movimenti lucani contro la crisi economica, sociale, ambientale e di democrazia.

A seguire, ovvero dalle 17,30, si terrà un dibattito sulla giustizia e legalità nel Materano a cui saranno presenti molte associazioni lucane e non.  

Domenica 9 invece scendono in piazza i cittadini di 8 Regioni in una manifestazione Nazionale che avrà come riferimento unico la scelta di non "stare a guardare" le grandi multinazionali del Petrolio che devastano il territorio nazionale. A partire dalle ore 10,00 nel piazzale antistante l'Hotel Miceneo si radunerà un corteo promosso dal Movimento 5 Stelle e da molteplici associazioni per urlare insieme NO ALLE ESTRAZIONI PETROLIFERE IN TERRA E MARE.

Infine sempre Domenica 9, in contemporanea con la presentazione della campagna Internazionale WWF "STOP AI CRIMINI DI NATURA-TU DA CHE PARTE STAI?" sarà possibile sottoscrivere il proprio contributo firmando la petizione “Sanzioni più severe contro chi uccide specie selvatiche”. IL WWF CHIEDE IL SOSTEGNO DI TUTTI: l’invito è quello di AIUTARE le centinaia di Ranger, Guardie e volontari del WWF, attivi in Italia e nel mondo, per dotarle di attrezzature tecnologiche, medicine, fuoristrada, gps, camera-traps, binocoli, radiotrasmittenti e altri equipaggiamenti indispensabili a monitorare il territorio per sorprendere bracconieri e trafficanti. Sul sito www.wwf/criminidinatura chiunque può INFORMARSI sul fenomeno e SOSTENERE la campagna del WWF con una donazione libera; DIFFONDERE a sua volta le informazioni e SOTTOSCRIVERE la PETIZIONE “Sanzioni più severe contro chi uccide specie selvatiche”. 

Per sostenere la Campagna è attivo anche il NUMERO VERDE 800.990099.